Occhi: cosa fare se sono rossi e stanchi

images.jpegPuò capitare a tutti: a causa dei ritmi frenetici, delle ore passate davanti al computer, o del fumo o lo smog. Gli occhi diventano rossi, fotosensibili, lucidi e pesanti. Per rimediare questo fastidioso problema può venirci in aiuto la natura.

Contro stanchezza e pesantezza Per dare sollievo e nuovo tono agli occhi stanchi, un valido alleato, grazie alle sue proprietà toniche, ossigenanti ed energizzanti, è il ginko. Si devono stendere due gocce di olio essenziale sulle palpebre, partendo dall’attaccatura delle ciglia, prima di andare a dormire.

Tonico, antinfiammatorio e disintossicante, il tè nero non è ottimo solo da bere: si possono fare degli impacchi con due dischetti di cotone  imbevuti di infuso, da tenere sulle palpebre chiuse per  15-20 minuti.  Il rimedio è ideale anche per gli occhi stanchi e per prevenire le borse.

Perfetta allo scopo anche l’Altea che è antinfiammatoria, lenitiva, decongestionante e rinfrescante: si applica sulle palpebre ogni sera e si ottiene con un trito di foglie, petali e radici (8 gr) mescolate con un cucchiaio di olio di mandorle.

Per combattere irritazioni e arrossamenti  In questi casi è utile la camomilla, grazie alle sue proprietà calmanti, lenitive e decongestionanti. Si fa un impacco ogi sera, mettendo sulle palpebre una salvietta imbevuta nell’infuso (100 gr di polvere in 200 ml di acqua calda) per 15-20 minuti. Anche l’eufrasia (antinfiammatoria, decongestionante e lenitiva) può essere utile per le irritazioni oculari.

Da sapere Se i rimedi naturali non bastano e il problema si ripresenta spesso, potrebbe trattarsi di secchezza oculare o di un’infezione. In questo caso è bene consultare il medico per evitare rischi. Le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero sempre chiedere il consiglio del medico prima di usare rimedi a base di erbe.