Dimagrire: meglio sprint o jogging?

L’University of New South Wales di Sydney ha effettuato una sperimenzione su 40 giovani in sovrappeso stabilendo la differenza fra sprint e jogging. Il risultato dello studio è che esercitarsi con lo sprint per 60 minuti a settimana brucia negli uomini la stessa quantità di grasso corporeo di 7 ore a settimana facendo jogging. La sperimentazione è stata pubblicata sulla rivista “Journal of Obesity”.

Il programma assicura una quantità ideale di intensità di esercizio per i benefici alla salute, compresa la perdita di peso, in un periodo di tempo minimo. Come parte del programma, i partecipanti hanno fatto sprint su una bici per esercizi per otto secondi e hanno aumentato il tasso cardiaco fra l’80 e il 90% del massimo, seguendo poi con 12 secondi di pedalate lente.

images.jpeg

Esercitandosi tre volte a settimana, i partecipanti hanno perso in media due chili di grasso specialmente viscerale (il tessuto adiposo che circonda gli organi interni ed è direttamente legato al rischio di malattie cardiovascolari) riducendo la circonferenza di vita. In compenso hanno guadagnato 1,1 chili di massa muscolare, principalmente nel torace e nelle gambe. Lo sprint veloce, secondo gli studiosi, induce l’organismo a liberare alti livelli di uno specifico gruppo di ormoni, detti catecolamine, che spingono fuori il grasso, specie addominale e viscerale, da dove è immagazzinato, in modo che sia bruciato dal lavoro dei muscoli.

Lo sprint per 8 secondi aumenta il tasso cardiaco mantenendo al minimo il rilascio di acido lattico, che fa stancare rapidamente i muscoli