Glicemia i trucchi per controllarla

Glicemia:i trucchi per controllarla

La glicemia può essere tenuta sotto controllo facendo attenzione  a cosa si mangia. Qualsiasi dieta si stia seguendo, una regola è sempre fondamentale: controllare la quantità e la qualità dei carboidrati. In fin dei conti, non è la prima volta che parliamo dell’importanza dell’alimentazione quando si parla di salute e benessere.

Ogni volta che mangiamo, nel nostro sangue si modificano  i livelli di glicemia. Questo valore aumenta in maniera considerevole se si assumono  in maniera indiscriminata  grandi quantità di zuccheri e carboidrati.

Se vogliamo mantenere il peso forma o abbiamo bisogno di  dimagrire, il primo passo  da fare è quello  di evitare bruschi rialzi di questo valore. L’unico modo  per raggiungere questo obiettivo  è quello di scegliere gli alimenti giusti da portare in tavola.

I cibi che abbassano la glicemia

Orzo e riso integrale: da mangiare almeno due volte alla settimana, soprattutto a cena.

Avena: fornisce  l’11% di grammi di fibra,  per lo più idrosolubile,  che controlla l’assorbimento  intestinale del glucosio.

Topinambur: è un tubero molto diffuso, dal sapore  molto simile a quello del carciofo. Contiene una buona quantità di una fibra, l’inulina, che controlla la glicemia.

Il giusto dessert a fine pasto

Se vi piacesse consumare a fine pasto un dessert, ma avete paura che la glicemia si alzi troppo, potete scegliere un quadretto di cioccolata fondente (almeno al 70%): in questo modo, oltre ad  avere eliminato gli zuccheri,  i grassi che contiene  ne rallentano l’assorbimento.

Altra valida alternativa, sempre per controllare la glicemia, potrebbe essere quella di mangiare a fine pasto uno yogurt: meglio sceglierne uno magro, perché in quello alla frutta è sempre presente una  quota di zuccheri che verrebbero subito assorbiti.

Carboidrati: si o no?

I carboidrati non sono tutti uguali: possono alzare la glicemia oppure no, a seconda della digeribilità. Sono solo i primi  a influire in modo decisivo e “negativo” sul valore della glicemia. Al contrario i carboidrati non glicemici non fanno aumentare  la glicemia dopo il pasto,  ma anzi ne controllano i valori facendola tenere piuttosto bassa.

Carboidrati glicemici (da limitare)

Tutti gli alimenti che contengono amido (dolci, pane, pasta,  prodotti da forno,  pizza, patate), ma anche frutta,  zucchero, miele, bevande zuccherate.

Carboidrati non glicemici (da preferire)

Verdure e ortaggi di ogni tipo.

E a proposito di alimentazione. Ecco tutti gli errori da non fare con la carne congelata.