Tag Archives: come riconoscere il disturbo bipolare

Il disturbo bipolare: molte le diagnosi sbagliate

Questa malattia può venire confusa con altri problemi dell’umore: in questo modo la persona non riceve le cure ecessarie per curarsi in modo giusto.

La depressione bipolare è uno dei disturbi  affettivi o dell’umore più diffusi: è caratterizata dall’alternanza fra tre diversi stati o polarità.

Stato maniacale Si parla di stato maniacale quando la persona, a differenza del suo modo abituale di sentirsi, ha un tono dell’umore molto alto, è logorroica , espansiva, ha una eccessiva stima di sè. In questa fase può assumere comportamenti anche pericolosi, come dedicarsi ad attività estreme e fare uso di droghe e alcol in grandi quantità.

Stato depressivo La depressione si ha quando la persona, per un periodo di almeno due settimane, è triste, pessimista, non ha energie, è indifferente a quello che succede intorno a lei e si autosvaluta accusandosi di tutto.

Stato misto La fase mista si verifica quando la persona  passa rapidamente e frequentemente  dalla fase maniacale  a quella depressiva e viceversa.

 

psicologia e benessere,disturbo bipolare,come riconoscere il disturbo bipolare


Il disturbo bipolare compare nelle persone giovani: il periodo più pericoloso da questo punto di vista è quello che va dall’adolescenza fino alla prima giovinezza, con un’età media di esordio intorno ai 21 anni. Ma gli episodi successivi possono comparire in qualunque momento della vita, in modalità che variano da persona a persona.

Diagnosticare il disturbo bipolare, di per sé, non è difficile. Non occorrono indagini strumentali o esami complessi: nella maggior parte dei casi, è sufficiente un’anamnesi  approfondita, ossia un colloquio con la persona e i suoi parenti più stretti per ricostruire la storia clinica personale e familiare.

Lo specialista deve essere in grado  di raccogliere il maggior numero possibile di elementi  e di valutare la situazione nel suo insieme. La persona che soffre di questo disturbo, in genere, chiede aiuto al medico o allo specialista solo durante la fase depressiva: ecco perché la prima diagnosi, spesso, è tardiva od errata e nella maggior parte dei casi viene scambiata per depressione. Gli esperti hanno calcolato che circa il 60% dei malati con depressione bipolare riceve una diagnosi sbagliata e che può trascorrere fino a 10 anni dall’esordio del disturbo  prima che si identifichi il vero problema e si inzi una cura adatta.

 


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...