Pensieri ossessivi ecco come gestirli

Pensieri ossessivi: ecco come gestirli

Parliamo dei pensieri ossessivi, una situazione così comune quanto fastidiosa. Avete presente il classico tormentone estivo che vi entra nel cervello e dal quale non riuscite a liberarvi? Con i pensieri ossessivi funziona allo stesso modo.

Sono pensieri negativi che più cerchiamo di allontanare dalla nostra mente, più campeggiano nel nostro cervello, impedendoci di vedere la realtà in maniera lucida. E soprattutto, causando in noi un forte malessere emotivo.

Proprio perché si tratta di un disturbo così comune quanto fastidioso, oggi proviamo a dirvi quali sono le tecniche migliori per provare a sgomberare la mente. Ecco che cosa consigliano gli esperti per liberarvi da questo tipo di pensieri.

4 modi per imparare a gestire e controllare i pensieri ossessivi

La prima tecnica della quale vogliamo parlarvi è la cosiddetta defusione cognitiva. Si tratta di un metodo che si basa sulla separazione dei pensieri dalla realtà. Un metodo che ci permette di separare la nostra mente dalla realtà, come a dire che noi stessi non siamo ciò che pensiamo.

In pratica, dobbiamo cercare di renderci conto che i pensieri che abbiano non per forza sono pensieri reali. Dobbiamo capire che questi brutti pensieri che ci offuscano la mente non sono la realtà e che quindi non ha senso agire come se lo fossero. Dobbiamo pensare ai nostri pensieri come a un qualcosa di astratto, un qualcosa che ci attraversa la mente e che dobbiamo lasciare andare via.

In secondo luogo, dobbiamo imparare a diminuire l’importanza che diamo ai pensieri ossessivi. Un pensiero esiste, ma non per questo deve avere una certa importanza. Come detto, non siamo ciò che pensiamo e dunque alcuni pensieri possono essere trattati per ciò che sono: pensieri.

La terza tecnica si basa sul cosiddetto abbraccio dei pensieri. Parliamo di una tecnica che ci spinge a non fuggire di fronte a ciò che pensiamo, ma ad abbracciare i nostri pensieri. Come quando si dice che dobbiamo aprire la porta ai nostri demoni.

Apriamo la porta ai nostri pensieri e cerchiamo di abbracciarli. Anche se sono brutti, dobbiamo avere la piena conoscenza di ciò che stiamo affrontando. In ultimo, cerchiamo di inibire le nostre compulsioni.

Ogni volta che diamo origine ad una compulsione mettiamo in atto un meccanismo preciso: agiamo in base ad un pensiero. E se parliamo di un pensiero negativo o appunto ossessivo, è sempre bene che le nostre azioni non derivino dai nostri pensieri. E a proposito di psicologia, ecco come riconoscere un distacco emotivo.