Pancia gonfia: che fare se brontola

Pancia gonfia: a volte provoca imbarazzo, se si verificano “rumori” indesiderati. Spesso non dà problemi, ma a volte è accompagnato da altri disturbi.

Vediamo cosa provoca la pancia gonfia e come risolvere i problemi.

Se la pancia gonfia è dovuta a un’alimentazione ricca di carboidrati

Per colazione latte con cornflakes,  o fette biscottate con miele, un piatto di pasta per pranzo, un pacchetto di cracker come spuntino e frutta per cena. Non sempre ci si accorge di quanti carboidrati vengono ingeriti, ma questi una volta nell’intestino provocano fermentazione batterica e pancia gonfia. Lo stesso effetto potrebbe produrlo anche  un’assunzione esagerata di proteine.

Se capita dopo avere mangiato: potrebbe essere celiachia

Se la pancia gonfia e i brontolii sono accompagnati da scariche di diarrea e dolori addominali, probabilmente si è in presenza  di celiachia, ovvero un’infiammazione cronica dell’intestino  tenue provocata  dall’assunzione di glutine.

Per stabilire la presenza o meno di questa malattia, bastano una ricerca sierologica.

pancia gonfia

Se si consumano troppe gomme da masticare: forse è colpa dei dolcificanti

C’è chi le mangia per scaricare le tensioni, chi quando è senza spazzolino e dentifricio, chi perché gli piacciono. Le gomme da masticare, però,  non vanno consumate in quantità esagerate perché contengono dolcificanti  che possono dare più effetti collaterali, tra cui flatulenza,  mal di pancia e borborigmi (rumori dello stomaco).

Se non si mangia a pranzo

Quando si ha molto da fare capita di saltare il pranzo. Un lavoro da ultimare senza proroghe, diversi appuntamenti a cui partecipare… In questi casi sentire lo stomaco brontolare e avvertire un senso di pancia gonfia è una conseguenza naturale del digiuno. I borborigmi in questo caso sono dovuti al fatto che lo stomaco, a digiuno, si sta preparando a ricevere cibo.

Se brontolii e pancia gonfia sono dovuti a alla sindrome del colon irritabile

È un disturbo che  annovera  fra i suoi sintomi  crampi, nausea, dolori  e rumori intestinali, periodi di stipsi seguiti  da altri di diarrea. La soluzione? Prima di tutto  cambiare le proprie abitudini alimentari, mangiando leggero ed evitando  fritti, cibi troppo elaborati o dolci ricchi di farciture. Vanno limitati anche i latticini e gli alimenti lievitati perché irritano l’intestino.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...