Dieta: al top della forma con la dieta Zona

images.jpegÈ diventato uno dei metodi più seguiti nel mondo.Iil perché è presto detto: si dimagrisce in fretta, non si avverte la fame e si raggiunge la massima efficienza psicofisica. Oltre a perdere peso, infatti, spariscono il senso di stanchezza fisico e mentale, e ci si sente al top della forma. Stiamo parlando della dieta Zona.

Tenere sotto controllo l’insulina È assodato che tenendo sotto controllo l’andamento di alcuni ormoni legati al metabolismo, si favorisce il dimagrimento. La dieta Zona è un regime alimentare che mantiene costante proprio i livelli dell’ormone che regola la concentrazione di zucchero nel sangue. Se la produzione di insulina aumenta, infatti, gli zuccheri vengono trasformati in grasso, favorendo così l’aumento di peso.

Difficile da seguire? No, ha solo 2 regole. L’inventore di questa dieta usa termini poco frequenti in cucina, come “blocchi” e “miniblocchi”. La formula “40-30-30” (la percentuale di calorie proveniente, nell’ordine, da carboidrati, proteine e grassi), poi,  è ancora meno comprensibile e  può scoraggiare anche le persone  più motivate a dimagrire. Per seguire la Zona, però,  non c’è bisogno di approfondire questi concetti, che sono rivolti soprattutto agli esperti; basta seguire queste due semplici regole.

Mai saltare i pasti o gli spuntini Uno dei vantaggi della Zona è che si mangia spesso. Lo schema prevede tre pasti principali (prima colazione, pranzo e cena), più tre spuntini (al mattino, al pomeriggio, alla sera prima di dormire). Evitare i digiuni è uno stratagemma per dimagrire, perché permette di mantenere costante il livello di insulina e aiuta ad accelerare il metabolismo.

Mettere sempre insieme proteine, grassi e carboidrati La seconda regola consiste nel fare un pasto completo ogni volta che si mangia, anche uno spuntino. I pasti vanno sempre bilanciati nei nutrienti, indipendentemente dalle calorie introdotte: si deve rispettare il rapporto “40-30-30”.

Gli omega 3 La Zona ha probabilmente contribuito a rendere famosi gli omega 3. Questi grassi favoriscono la produzione di eicosanoidi, un gruppo di ormoni che controllano svariati meccanismi, tra i quali la riduzione della formazione di insulina nell’organismo; in più, promuovono l’efficienza psicofisica. Si trovano per lo più nel pesce,  nella frutta a guscio, nelle alghe marine, nel latte.

Prima di sottoporsi ad un regime dietetico restrittivo occorre sempre consultare il medico, che saprà indicare dosi e qualità del cibo da inserire.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...