Archivio Mensile: ottobre 2014

Presbiopia: si corregge con il laser

Presbiopia: un disturbo inevitabile, che colpisce soprattutto dopo i 40 anni.

La presbiopia rende  difficile la visione da vicino, ma  per risolverla c’è anche l’intervento chirurgico, che oggi è ancora più sicuro.

Ecco cosa succede con la presbiopia

Con il tempo il cristallino (cioè la piccola lente che è situata  all’interno della struttura oculare) aumenta di diametro e perde parte della sua elasticità.

Il problema è che in questo modo  diventa più faticoso per il cristallino modificare la propria forma per mettere a fuoco gli oggetti da vicino, a distanze intermedie e da lontano. I segni della presbiopia sono ben noti: difficoltà a leggere da vicino,  affaticamento visivo, arrossamento degli occhi e mal di testa.

Come si svolge l’operazione contro la presbiopia

L’intervento viene effettuato in anestesia locale,  che si esegue instillando  alcune gocce di collirio. Il chirurgo incide con il laser  la superficie dell’occhio, in modo da creare una finestra sulla cornea. Quindi, sempre con l’aiuto del laser,  modifica la sua curvatura. Così il cristallino può  eseguire il suo lavoro nonostante le alterazioni presenti. Infine, lo specialista richiude la micro apertura.

L’operazione dura pochi minuti  ed ha il vantaggio di consentire di correggere anche miopia e astigmatismo, se sono presenti. Non sono necessari punti di sutura,  perché la riparazione avviene da sé. In generale l’operazione per correggere la presbiopia  non è indicata se sono presenti altre malattie dell’occhio, che vanno sempre tenute sotto stretto controllo medico.

presbiopia

Per questo intervento si utilizza uno speciale laser chiamato  Lasik,  che permette di correggere il difetto della presbiopia lavorando sulla cornea.

Il laser  è guidato e sempre regolato  da un sistema computerizzato, che tiene  conto di tutti i movimenti involontari  che potrebbe compiere l’occhio,  compresi quelli assolutamente impercettibili, ma che potrebbero compromettere il lavoro del chirurgo.

Le cure da fare dopo l’intervento

Subito dopo l’intervento contro la presbiopia l’occhio viene medicato  con specifici colliri antibiotici  e antinfiammatori,  poi si può tornare a casa. Non viene  applicato alcun bendaggio, ma qualche volta viene messa una protezione  da tenere fino al primo controllo,  che di solito si effettua il giorno successivo. Si può già vedere bene, anche se inizialmente è utile non sforzare la vista e, per i primi giorni,  è necessario indossare occhiali da sole.

Le quattro regole da seguire

-Seguire scrupolosamente le indicazioni fornite dallo specialista: se il collirio antibiotico non viene messo agli orari prestabiliti, aumenta il rischio di un’infezione.

-Osservare un’igiene scrupolosalavarsi sempre le mani con acqua e sapone prima di mettere le gocce negli occhi e non toccarsi il viso,   soprattutto dopo essere stati in un luogo pubblico.

-Quando si esce indossare sempre un paio di occhiali da sole,  oppure con lenti chiari se non è una giornata assolata,  per evitare  che anche un banale granello di polvere entri nell’occhio.

-Non fumare ed evitare  di frequentare ambienti fumosi, perché può peggiorare o stato di secchezza dell’occhio che a volte è  presente dopo l’intervento per correggere la presbiopia.

 

 

 

Grasso addominale: un pericolo per la salute

Grasso addominale: il tuo peso è nella norma ma ha problemi di pancia? Fai attenzione, perché il grasso addominale sviluppa molte malattie. Il grasso addominale, quello che si sviluppa nei visceri è uno  dei fattori scatenanti  di gravi patologie. Numerosi … Per saperne di più Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...