Archivio Mensile: aprile 2013

Gastrite e acidità: spegnile con cavoli e genziana

gentiana_lutea.jpgLa gastrite è un disturbo con frequenti recidive: una delle sue prime cause  è la diminuizione della resistenza dei tessuti dello stomaco, che sono fisiologicamente ricoperti di muco per  tamponare l’aggressività  dei succhi gastrici.  Una delle cause principali della gastrite è l’Helicobacter pylori, un batterio che si annida sotto la mucosa dello stomaco. La maggior parte delle persone è portatrice  del batterio senza accusare sintomi particolari, perché le difese riescono a controllarne l’atttività patogena. Lo stress, l’abuso di farmaci e gli eccessi alcolici, di fumo e caffè rendono però lo stomaco più vulnerabile alle secrezioni.

La genziana aiuta a digerire e attenua sonnolenza e dolore.

La genziana è indicata nel trattamento delle gastriti che si manifestano o peggiorano soprattutto in primavera e scatenano senso di pesantezza addominale, nausea, riguirgito acido e sonnolenza post prandiale. Utilizza la tintura madre di Gentiana Lutea nelle dosi di 20-30 gocce 2-3 volte al giorno fino al miglioramento dei sintomi.

Anche il cavolo aiuta a migliorare i sintomi di questi disturbi perché contiene ben due gastro protettori: il gefarnato e il carbenoxalone, che aumentano il muco difensivo.

Mezzo bicchiere di centrifugato  di cavolo al giorno, mescolato con mezzo bicchiere di succo di mirtillo (che corregge il gusto, ma conferisce anche alla bevanda un buon potere antiossidante) riduce i sintomi della gastrite.

Il limone: libera i grassi e gli zuccheri dal sangue

Largamente impiegato per le proprietà disintossicanti e per gli effetti benefici  sul sistema immunitario, il limone fu utilizzato dagli anitchi guaritori soprattutto come tonico per la circolazione. Il suo succo fresco, infatti, ricco di vitamine del gruppo A e B, … Per saperne di più Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...